Giocare a Bingo: ecco cosa bisogna sapere

Il Bingo è uno di quei giochi che, da anni, affascina grandi e piccoli. Le ragioni sono molteplici, e variano da persona a persona. Tuttavia, parlando di questo gioco, c’è da fare una primaria distinzione: il Bingo è differente dalla classica Tombola. Ecco, a questo proposito, cosa bisogna sapere prima di iniziare a giocare.

Il Bingo a 75, 80 o 90 palline

Prima di iniziare a parlare del Bingo e delle sue regole è doveroso fare una distinzione importante: il Bingo può essere a 75, 80 o 90 palline. In cosa si differenziano? Ovviamente dai numeri presenti sul tabellone. Ma non solo.

Il giocatore (e stiamo parlando della regola base) deve tenere sotto controllo le palline che vengono estratte dal banditore, osservando che esse siano presenti (o meno) sulle proprie cartelle. Se il giocatore riesce a segnare tutti i numeri presenti, su una delle cartelle acquistate, avrà vinto il montepremi finale.

Abbiamo parlato di differenti modi in cui è possibile giocare a Bingo: in quello a 75 palline, ad esempio, le cartelle sono suddivise in 5 gruppi da 15 numeri ciascuno. Non solo. Ogni gruppo è contrassegnato da una lettera che nell’insieme forma la parola BINGO.

Nel dettaglio: i numeri dall’1 al 15 appartengono al gruppo B, quelli dal 16 al 30 alla I, dal 31 al 45 alla N, e così via… . Il Bingo a 75 palline viene apprezzato soprattutto negli Stati Uniti, e quando le palline vengono estratte, il banditore scandisce sia il numero che la lettera relativa.

In Europa, invece, prediligiamo il Bingo a 90 palline. Il principio è lo stesso, ma le cartelle e le combinazioni sono differenti, e i numeri sono ovviamente 90. Abbiamo parlato proprio delle cartelle: queste ultime hanno 27 spazi con tre righe e 9 colonne.

E’ bene ricordare, poi, che queste ultime sono suddivise in decine: la prima colonna, quindi conterrà i numeri dall’1 al 10, la seconda dall’11 al 20, e così via.

La partita del Bingo a 90 palline finisce in differenti fasi: la prima avviene quando il giocatore completa per primo solo la prima riga (e per intero). La seconda fase, invece, si realizza quando il giocatore completa per intero le prime due righe. Infine, il giocatore chiama il “bingo” quando si ritrova con tutti i numeri della cartella marcati. E’ possibile, quindi, che ogni partita possa decretare tre vincitori diversi.

Infine, abbiamo menzionato il Bingo ad 80 palline: quest’ultima è una delle varianti più apprezzate dai giocatori proprio perché permette di giocare rapidamente una partita. In questo caso, ovviamente, si utilizzano 80 palline, e le cartelle utilizzare dai giocatori sono quadrate e composte da 16 caselle, 4 colonne e 4 righe.

In definitiva, prima di iniziare a giocare a Bingo (sia in una sala fisica che online) è bene decidere se sfidare la sorte a 75, 80 o 90 palline. Il resto, si sa, è solo fortuna.