Il Governo USA considera i videogiochi una forma d’arte

I videogiochi vanno considerati come una forma d’arte e debbono essere inseriti nel programma National Endowment for the Arts (NEA) che si occupa di finanziare le opere d’arte di ogni tipo. Con queste parole il governo degli Stati Uniti d’America ha ufficializzato il proprio pensiero sul mondo dei videogiochi.
La categoria The Arts on Radio and Television è stata rinominata The Arts in Media e si è espansa anche al nostro amato mondo, come ben descritto sul sito istituzionale: “I progetti possono includere programmi radio e video di alto profilo divisi in uno o più episodi (documentari e drammatizzazioni); media creati per il cinema; i programmi di performance; i segmenti artistici da usare nelle serie esistenti; i webisodes composti da più episodi; le installazioni e i giochi interattivi”.
Buone notizie per tutti gli sviluppatori USA che potranno quindi richiedere un finanziamento di 200.000 dollari per tutti quei progetti ideati per migliorare il bene pubblico e che saranno offerti in forma gratuita.
Insomma, un bel colpo per tutti quelli, videogiocatori e operatori del settore inclusi, che continuano a considerare i videogiochi più o meno come dei giocattoli tecnologici utili solo per trascorrere qualche ora di divertimento.

I videogiochi vanno considerati come una forma d’arte e debbono essere inseriti nel programma National Endowment for the Arts (NEA) che si occupa di finanziare le opere d’arte di ogni tipo. Con queste parole il governo degli Stati Uniti d’America ha ufficializzato il proprio pensiero sul mondo dei videogiochi.
La categoria The Arts on Radio and Television è stata rinominata The Arts in Media e si è espansa anche al nostro amato mondo, come ben descritto sul sito istituzionale:”I progetti possono includere programmi radio e video di alto profilo divisi in uno o più episodi (documentari e drammatizzazioni); media creati per il cinema; i programmi di performance; i segmenti artistici da usare nelle serie esistenti; i webisodes composti da più episodi; le installazioni e i giochi interattivi”.

Buone notizie per tutti gli sviluppatori USA che potranno quindi richiedere un finanziamento di 200.000 dollari per tutti quei progetti ideati per migliorare il bene pubblico e che saranno offerti in forma gratuita.Insomma, un bel colpo per tutti quelli, videogiocatori e operatori del settore inclusi, che continuano a considerare i videogiochi più o meno come dei giocattoli tecnologici utili solo per trascorrere qualche ora di divertimento.