Register, upload AVATAR, save SCORES, meet FRIENDS!
Registrati

Videogiochi come aiuto ai bambini autistici

Posted by admin On giugno - 17 - 2013

La sindrome autistica provoca diversi problemi nei bambini, per esempio i soggetti affetti non sono in grado di riconoscere i volti delle persone ne di capirne le emozioni e, secondo gli studiosi, sarebbe proprio questa la causa scatenante del rifiuto del contatto con le altre persone.

In un recente articolo di USA Today è stato presentato una interessante proposta per il trattamento dell’autismo: usare un videogioco commerciale, una Xbox 360 e il sistema Kinect come dispositivi terapeutici.
Come combinare questi elementi per raggiungere questo obiettivo? La prima operazione richiesta ai bambini è quella di selezionare un avatar digitale (cioè una versione semplificata digitale di loro stessi) e quindi affiancarsi a qualcun altro ed iniziare una serie di attività fisiche come saltare, accovacciarsi, muovere le braccia come quando si nuota, tutti all’unisono e lavorando insieme per aiutare i loro avatar digitali all’interno del gioco. In questo modo si realizzano attività che altrimenti i bambini autistici non sarebbero in grado di eseguire o avrebbero comunque molti problemi nella esecuzione.

E’ possibile che questi giochi possono portare qualche novità nel trattamento dell’autismo? Questa è la domanda che i ricercatori si stanno ponendo e, insieme agli educatori, sono impegnati nello scoprire le proprietà terapeutiche dei dispositivi sensoriali delle nuove console per videogiochi.
I grandi progressi tecnologici nel settore dei giochi stanno generando molteplici vantaggi in aree inaspettate, questa esperienza ha già segnalato molteplici benefici per una frazione del costo dei metodi tradizionali.

Un nuovo gioco realizzato da Symbionica, potrebbe offrire un sostanzioso miglioramento delle capacità di apprendimento nei bambini autistici. Il gioco si chiama FaceSay e dovrebbe facilitare i soggetti nel riconoscimento facciale, nelle espressioni e nelle emozioni. Il gioco sviluppa un’idea semplice, nel nuovo software sono presenti molti giochi nei quali occorre riconoscere i volti (per esempio di un avatar), in questo modo i giocatori sono spinti a concentrarsi in maniera attiva sul volto di una persona.

Presso l’Università dell’Alabama a Birmingham, è stato condotto uno studio che ha coinvolto 24 bambini con la sindrome di Asperger e 25 affetti da autismo. Per oltre un mese sono stati sottoposti a incontri di 20 minuti durante i quali usavano i giochi di FaceSay.
Alla fine del percorso di studio, il risultato è stato confortante, infatti tutti i soggetti che avevano usato il videogame, hanno dimostrato di aver migliorato l’interazione con gli altri bambini. Inoltre, in quelli affetti da sindrome di Asperger è stato rilevato un miglioramento della capacità di riconoscere i volti, mentre nei piccoli affetti da autismo è cresciuta la capacità di cogliere le emozioni delle persone che hanno di fronte.

C’è ancora molta ricerca da fare, ma il futuro è promettente.

Giochi Gratis Online is proudly powered by WordPress Arcade