50 Cent Blood On The Sand: un videogioco dedicato ad uno dei rapper più famosi d’Oltreoceano

Videogioco 50 Cent Blood On The SandTanti appassionati di musica condividono la passione per i videogiochi e i moderni mezzi di intrattenimento, e ai fan del genere rap non sarà sfuggita l’uscita dell’atteso sequel di Bulletproof, primo dei videogiochi dedicato al rapper statunitense 50 Cent, cresciuto dal celebre Eminem sotto la sua etichetta discografica.

La trama di questo gioco si configura sempre come incentrata attorno al personaggio del rapper, dal comportamento carismatico e dedito agli eccessi. Gli Swordfish Studios, responsabili dello sviluppo del titolo, hanno voluto prendere per mano queste caratteristiche e svilupparle fino a far diventare il gioco una guerra contro il mondo intero. Partendo da uno sconosciuto paese del Medio Oriente, la gang G Unit, di cui fa parte 50 Cent, si presenta presso il promoter di un locale per ottenere il compenso dopo una performance, scoprendo però che i fondi sono quasi completamente esauriti.

In seguito, il gestore deciderà di ricompensare i ragazzi della crew offrendo un teschio con diamanti incastonati. Tornando poi in aeroporto, la gang viene assalita da un’organizzazione che riesce a rubare il prezioso tesoro durante una colluttazione, scatenando chiaramente l’ira funesta di 50 Cent e del suo gruppo.
Questo titolo non è però il classico shoot ‘em up dalle tinte forti e nulla più, si presenta veramente come un gioco godibile sotto molti aspetti, grazie alle numerose citazioni e slang proveniente dall’ambiente della musica rap, andando oltre anche al semplice realismo, dove viene riprodotta la crudeltà che imperversa per le strade in cui questo genere ha avuto origine e si è poi diffuso.

Le modalità di cooperativa online ci offrono soluzioni incredibili, grazie ad una gestione interessante e pervasiva del gruppo di 50 Cent, che non ci abbandonerà mai e renderà gli scontri una vera manna per gli occhi. Gli ambienti sono infatti curati con realismo fotografico, con modelli studiati appositamente su immagini originali dei protagonisti. Includendo infine gran parte del repertorio musicale dell’artista, e di alcuni beat nuovi creati appositamente per l’occasione, dal punto di vista sonoro nessun giocatore può avere nulla da dire.

Il lavoro degli Swordfish Studios è molto apprezzabile sotto ogni punto di vista, e si concentra sull’evitare gli stereotipi tipici dei videogiochi violenti, conferendo invece una profondità inaspettata a livello di trama e fisica di gioco impiegata per la costruzione di questo Blood On The Sand, divertente e notevole al contempo.
Ulteriori informazioni per l’acquisto sono disponibili online.