Armored Core: Verdict Day, ecco l’espansione di Armored Core V

Armored Core: Verdict DayTitolo complesso per la maggioranza dei videogiocatori medi, Armored Core è sempre stato in grado di relazionarsi in maniere abbastanza intricate con il proprio pubblico.
La capacità della software house From Software di saper costruire trame estremamente stratificate partendo da una sola idea, fa parte di un percorso che ha portato all’uscita dell’attesissima espansione Armored Core: Verdict Day sul mercato.

Questo magnifico franchise ci aveva lasciati lo scorso anno, offrendoci un episodio intenso e dotato di armature mech estremamente evolute sul versante della personalizzazione, un numero di armi superiore alla media di qualsiasi titolo presente sul mercato, oggettistica da sbloccare e poi acquistare, includendo una struttura multiplayer più che soddisfacente.

Purtroppo un lato vulnerabile del titolo è rappresentato dagli estesi tempi di caricamento al fine di sincronizzarsi agevolmente con i server, aggiungendosi alla serie dei difetti del gioco una compagine grafica non eccelsa e tecnicamente insufficiente per quanto riguarda la gestione del frame rate, tendente a scatti e singulti inaspettati. I fan della serie sono comunque rimasti estremamente entusiasti del titolo, tant’è che ne hanno atteso il sequel, sotto forma di espansione.

Armored Core: Verdict Day ci pone davanti ad una serie di novità di ampio livello, principalmente a livello strutturale.
Lo scenario globale a cui eravamo abituati prende le oscure tinte, nel titolo, di un mondo sempre diviso da fazioni ostili, che avranno come principale scopo quello di affrontarsi crudelmente nei territori estesi per controllarli senza remore. Sarà importante, proprio a questo scopo, selezionare un team dal menu principale, al fine di contribuire agevolmente alla distruzione dei nemici.

Si partirà effettuando alcune missioni in veste di mercenari, in partite cooperative, che daranno poi l’accesso definitivo ad un posto fisso in squadra. I match sono generalmente potenti, in grado di mostrare le capacità tecniche del sistema di incontri utilizzato, permettendoci, una volta raggiunta una discreta esperienza, di creare dei bot personalizzati al fine di eseguire comportamenti programmabili, in modo che possano aiutarci in lotta.

Sul fronte di utilizzo delle armi, potremo decidere se montare un fucile di precisione, d’assalto o un cannone laser, mutare gran parte del sistema dei mech cambiando su misura braccia, testa, torso e gambe al fine di assicurarci una capacità di battaglia maggiore, affidando poi alll’engine interno la gestione di un design complessivo in grado di incutere timore e danni.

Un’espansione, in definitiva, in grado di compensare l’attesa per i sequel di Armored Core più che validamente.