Bastion: una piacevole esperienza narrativa per Xbox 360

Videogioco BastionBastion: un gioco bellissimo e molto fluido, con una grafica eccellente e caratterizzato da una visuale assonometrica che rende davvero moltissimo. Con una buona quantità di armi e sistemi di upgrade adeguati a diversi stili di gioco. La storyline è interessante, con una storia originale, musiche stupende e con il tocco finale del narratore in sottofondo.

L’appuntamento con la cosiddetta Summer of Arcade non viene mai mancato dai veri appassionati di Xbox 360, in un periodo in cui Xbox Live Arcade è in grado di mostrare il meglio di sé offrendo titoli di qualità a tutta l’utenza. Grazie a Bastion, titolo sviluppato da Supergiant Games già abbondantemente elogiato dalla critica, l’attesa è da tempo giunta alla fine.

Questo coinvolgente gioco ci metterà nei panni di The Kid, un protagonista curiosamente senza un nome proprio, sopravvissuto ad un evento di proporzioni pericolosissime chiamato molto obiettivamente Calamità, che ha lasciato il nostro personaggio principale unico superstite, a quanto pare.
Nostro compito sarà quello di scoprire se siamo realmente gli unici esseri rimasti, cercando contemporaneamente di capire da cosa è originata la terribile Calamità, che lentamente ma inesorabilmente si sta portando via ogni cosa.

La trama di Bastion non rientra sicuramente tra le più originali, ma la forza infusa nel gameplay dagli sviluppatori risiede nel rivelare gradualmente alcuni indizi di gioco, accompagnando un narratore all’illustrazione di quanto succede a schermo.

La sensazione sperimentata dal giocatore sarà infatti simile a quella della lettura di un libro, formandosi passo dopo passo sia il mondo in cui The Kid compierà le sue azioni che il suo sviluppo.
Essendo una miscela di azione e avventura, avremo a disposizione due tipologie di armi, una per il combattimento da vicino ed una per le schermaglie a distanza.

Insieme a ciò, potremo utilizzare anche una serie di abilità “special”, che non saranno riutilizzabili contemporaneamente e presuppongono quindi un utilizzo strategico.
Il potenziamento degli strumenti avverrà raccogliendo power up per tutto il mondo di gioco, grazie anche alla presenza di una base (una sorta di quartier generale) in cui The Kid potrà fare il punto della situazione dando vita a strutture necessarie per incrementare il proprio potere, addestrandosi nel contempo.

La cura del design sembra quindi essere il punto di forza principale in grado di risollevare la trama esile di Bastion: i mondi di gioco sono composti da colori e texture ispirate dai GDR giapponesi; dove i validi disegni del narratore principale fanno di questo titolo una delle proposte più intelligenti della già citata Summer of Arcade.