Collection HD: Splinter Cell

Oramai le collection in alta definizione delle miglior saghe videoludiche sembrano aver preso piede sempre più.
E Ubisoft, dal canto suo non ci pensa due volte e propone una riedizione della miglior saga di spionaggio in ambito videogame: stiamo ovviamente parlando di Splinter Cell, saga ispirata dai lavori letterari dello scrittore (scomparso da poco) Tom Clancy.

Protagonista delle vicende narrate è Sam Fisher, agente governativo dei servizi segreti americani, che vedremo impegnato in diversi luoghi e situazioni fantapolitche, dalla “crisi d’informazione georgiana” alla “crisi indonesiana”.
Sam avrà dalla sua un ferreo addestramento militare e un equipaggiamento ultra tecnologico per riuscire a sventare le azioni delle celle terroristiche, tutto in puro stile stealth.

Il protagonista si troverà, infatti, quasi sempre in inferiorità numerica e per riuscire a cavarsela dovrà muoversi tra le ombre ed eliminare i nemici silenziosamente.
Questa collection ci ripropone i capitoli Ps2, ovvero Splinter cell, Splinter Cell: Pandora Tomorrow e Splinter Cell: Chaos Theory.

Da un punto di visto del restauro grafico, è stato fatto ben poco e i 3 episodi, soprattutto il primo (uscito nel 2002) soffrono il peso degli anni e la ristrutturazione riesce a tamponare ben poco, mentre il terzo, viene rivitalizzato e impreziosito, anche perchè già nella sua versione originale godeva di eccellenti punte tecniche. Buono il lavoro sotto il profilo audio, con l’importazione del doppiaggio interamente italiano (con un Sam doppiato dal grandissimo Luca Ward).

Oltre alle edizioni dei capitoli, non vi sono molti contenuti aggiuntivi (a parte qualche missione bonus e l’implementazione dei trofei), anzi viene eliminata la componente multiplayer competitiva presente nel secondo capitolo (comprendente 3 modalità: Neutralizzazione, Estrazione e Sabotaggi), che soprattutto su Xbox aveva spopolato. Anche il multiplayer co-op di Chaos Theory è stato eliminato del tutto.

Il gameplay rimane buono e progressivamente, di capitolo in capitolo, acquisisce spessore e varietà, grazie anche ad un comparto mosse vario e in grado di sfruttare al massimo le interazioni ambientali, aggiungendo anche obiettivi secondari che aumentano la longevità finale, che comunque, se giocata ad una difficoltà mediamente alta, supera gli standard degli action adventure di oggi.

A conti fatti, questa Splinter Cell HD Collection rimane una buonissima oppurtunità per chi non ha giocato, o per chi ha amato e vuole riprenderli, i 3 episodi della vecchia generazione ad un prezzo accessibile, con un prodotto che rimane ancora oggi godibile e che porterà via diverse ore di gioco agli amanti del genere stealth, di cui la saga di Sam Fisher rimane una pietra miliare.