Colossatron, un distruttivo per iOS e Android

ColossatronColossatron è l’ultima fatica di Halfbrick, già nota a stampa e pubblico per l’enorme successo di Fruit Ninja, gioco che assieme ai tower defense ed al rinomato Candy Crush sta contribuendo a riscrivere la storia del divertimento portatile.

Evitando i banali add-on alla serie, Halfbrick si immerge in un tentativo di immissione nel difficile mercato videoludico di un bestseller, che già dai primi trailer dimostra d’essere ispirato da diverse fonti, incluso un certo citazionismo verso i mech e Pacific Rim, ultima uscita giapponese in fatto di fantascienza applicata al mondo dei robot.

Colossatron, il gameplay

Il protagonista di Colossatron è un meccanico in grado di scomporsi in più parti, che prende il nome del gioco. Fatto inquietante, egli dovrà assumersi l’incarico di distruggere il pianeta Terra e ridurlo in minuscole macerie affrontando città per città e radendola al suolo. Il gameplay è del tutto lineare e semplice: sarà sufficiente seguire l’inquadratura alta, appositamente creata allo scopo di far progredire Colossatron da sé, sulle proprie gambe, e completare il corpo meccanico distruttivo sfruttando i pod che galleggiano al’interno dello schermo, potenziando l’ensemble e aumentando la capacità di firing.

Ad ognuno dei pod sarà assegnato un colore particolare, dal blu al giallo al rosso, cosa che comporta lo sfruttamento di una diversa tipologia di munizioni ed armi. Cosa divertente, tramite questa componibilità a moduli sarà possibile creare un lungo robot costituito da vagoni, creando anche tinte secondarie in grado di capacitarci ad attacchi offensivi di grandiosa potenza.

Altrettanto nutrita la controparte offensiva, che ci fornirà dei benefit e power up di natura temporanea, tra cui gli scudi, aumentandone il controllo da parte dell’utente. Va detto che il tempismo è una delle armi più importanti, tra tutte, di Colossatron. Scaricare un convoglio intero di armi sul proprio nemico e ricaricarsi rapidamente per incrementare la potenza di tiro non è compito per tutti.
Il divertimento e la passione sbocciano comunque in un caos bellico magnificamente orchestrato da Halfbrick.

I continenti di gioco saranno sette, pur essendo il mondo rappresentato un prodotto dell’immaginazione, e il nostro progredire andrà di pari passo con i power up disponibili.

Sfruttando i Prism potremo assegnarci per sempre le armi di forgia limitata, evitando gli acquisti in-app che possono non trovare buon riscontro da parte dei giocatori.

Infine, la possibilità di rigiocare i nuovi stage ottenendo punteggi insuperabili e sfruttando la concitazione e lo sfoggio di armi a schermo rendere l’azione registrata da telegiornali fittizi rappresentano due chicche imperdibili a coronamento di un prodotto gioioso, recente e graficamente potente.

Grazie al prezzo contenuto ed alla varietà di elementi, l’acquisto di Colossatron è più che consigliato agli amanti dei device portatili.