Epic Mickey: l’universo Disney a portata di videogame

Epic MickeyUn universo evocativo come quello dedicato ai cartoon e fumetti Disney non può non sorprenderci con una nuova uscita in cui il protagonista assoluto sarà Topolino in persona: l’avventura contenuta in Epic Mickey è davvero caratterizzata da slanci narrativi di bellezza incomparabile, se paragonati a quelli dei titoli precedenti che hanno portato le gesta del più conosciuto dei piccoli eroi dei fumetti sullo schermo.

Il pretesto per introdurci nel gioco è creativo e divertente: verremo immersi in mezzo alla distruzione di Wasteland, una sorta di discarica in cui l’imprudenza regna sovrana, dove Topolino ritroverà un pennello dai magici poteri e inizierà, con poco successo, ad utilizzarne l’incanto in esso contenuto.
Le pennellate vanno poi ad estendersi su un modellino che racchiude alcuni piccoli abitanti, ed il nostro protagonista è del tutto ignaro del fatto che questi individui hanno vita propria.

Accorgendosene dopo poco tempo, Topolino deciderà di porre rimedio al guaio che ha causato entrando a far parte della sfera di gioco di Wasteland, in cui potremo trovare vecchi personaggi glorie del passato, come The Lucky Rabbit, che gestisce la componente cittadina di Wasteland, coltivando al contempo una sorta di odio per il piccolo topo, che ritiene causa del disastro ecologico.

Il gioco è colmo di elementi educativi, tra cui il senso dell’amicizia, del dovere, riproponendosi varie volte attraverso il gameplay, creando oppure distruggendo ciò che appare nello scenario e assumendosi le responsabilità di quanto accade sullo schermo, facendo materializzare elementi di gioco, piattaforme oppure connettori come ponti.

Topolino potrà anche contare sull’aiuto dei Gremlins, creature che ci aiuteranno ad oltrepassare certi punti ostici del gioco, ottenendo la loro attenzione non appena incorriamo in qualche difficoltà.

A livello visivo, Epic Mickey è in grado di sorprendere per la brillantezza e una discreta varietà di fondali, soprattutto per la bellezza delle dimensioni di passaggio tra zone, artisticamente ben realizzate, ed intervallando il gioco tramite sceneggiature bidimensionali adatte ai vecchi contesti del fumetto tipicamente disneyano. A ciò si affianca il comparto sonoro, che si limita a far emettere ai personaggi versi caratteristici, eliminando del tutto l’uso del parlato, che probabilmente non avrebbe convinto più di tanto i fan storici.

Epic Mickey risulta così un titolo amabile da tutti, senza mettere in conto la propria età: un progetto sapientemente curato come i migliori platform attualmente in circolazione.