I migliori anni dei nostri giochi: il 1980

Per l’industria dei videogiochi gli anni 80 hanno rappresentato un momento importante pieno di di alti e bassi. Tra l’altro, stavamo vivendo solo il secondo decennio della storia del settore, e gli investitori erano confusi e pensavano che tutto era solo una moda passeggera. In quegli anni i video giochi erano semplici, e tutto l’interesse era concentrato su due macchine: Super Nintendo e Amiga a 32 bit, complessi dispositivi basati sui caratteri, bestie di intrattenimento multi-genere.

I bambini degli anni 80 ricorderanno le console di terza generazione, come la versione giapponese del Nintendo Family Computer o la “Famicom” dal 1983. Poi, a partire dal 1987, siamo passati alle console di quarta generazione, come la Sega/Mega Drive Genesis (1988), la Super Famicom che arrivò sul mercato intorno al 1990, così come la Neo Geo nel 1990. Rispetto alle precedenti generazioni la sezione grafica dei giochi aveva subito notevoli migliorie ed erano iniziati i primi esperimenti con la grafica 3D. Tuttavia il PC era già più avanti avendo già la grafica 3D! Questa è stata anche la generazione in cui ebbe inizio la prima guerra tra le console di Sega e Nintendo.

Oggi l’industria dei videogiochi è un settore vivace, ma lo era soprattutto nel lontano ’80. Nel solo 1981, l’industria del gioco arcade generava 5 miliardi di dollari di ricavi negli Stati Uniti con il ​​numero di vendite di arcade raddoppiato tra il 1980 e il 1982, inoltre l’effetto del fenomeno videogiochi si ripercuote su vari campi della società ampliandosi nella musica e nei film. Ma pochi anni dopo il trend sembra accusare una forte crisi e nel 1983 è l’anno in cui il settore dei videogiochi viene colpito duramente con il crollo di diverse grandi imprese che presentarono istanza di fallimento. La sola Atari, gigante del settore, ha registrato una perdita di 536 milioni dollari. Ora, più che mai, gli investitori sono convinti che l’industria del video gioco fosse solo una moda passeggera. Ma quel periodo negativo durò poco, anzì segnò l’inizio di un nuovo periodo di crescita e popolarità. Gli investitori sfiduciati furono smentiti, e l’industria dei videogiochi è diventata un mercato florido ed in continua espansione realizzando circa 34,7 miliardi dollari nel 2012 e, nel 2013 continua ad essere forte.
Certamente negli anni 80 gli industriali hanno fatto molti giri sulle montagne russe ma quel periodo di instabilità ha generato molte cose buone.
Super Mario Bros, Duck Hunt, Tetris, sono solo alcuni dei grandi nomi che hanno visto la luce in quegli anni.

Ora torniamo al passato e vediamo la Top Five dei giochi più venduti nel 1980:

1° Posto
Super Mario Bros.
Piattaforma: NES
Sviluppato da: Nintendo
Uscito il:13 settembre 1985
Unità vendute: 40,24 milioni

2° Posto
Tetris
Sviluppato da: Richiamo Software Proof
Piattaforma: Multipla
Uscito il: 6 Giugno 1984
Unità vendute: 30,26 milioni

3° Posto
Duck Hunt
Sviluppato da: Nintendo
Piattaforma: NES
Uscito il: 21 Aprile 1984
Unità vendute: 28,31 milioni

4° Posto
Super Mario Land
Sviluppato da: Nintendo
Piattaforma: Game Boy
Uscito il: 21 aprile 1989
Unità vendute: 18,14 milioni

5° Posto
Super Mario Bros. 3
Sviluppato da: Nintendo
Piattaforma: NES
Uscito il: 23 ottobre 1988
Unità vendute: 17,28 milioni