Mahjong, tante versioni per un gioco mentale

Nel mondo moderno le persone sono sempre più sottoposte allo stress e spesso cercano un sollievo prendendosi una pausa dalla propria attività per distrarre la mente divertendosi. I giochi collettivi, da sempre, hanno rappresentato una distrazione e un modo di socializzare per tutte le età. Fino a poco tempo fa alcuni passatempi erano limitati geograficamente, e molti di loro erano sconosciuti in altre parti del mondo. Quella “età oscura” è finita, grazie ai media e la maggior parte di tutti i giochi sono oggi noti in tutto il mondo grazie ad internet.

Uno di questi giochi di cui la civiltà occidentale non era a conoscenza è il gioco da tavolo cinese del Mahjong. È un gioco di corrispondenza di tessere giocato da tre o più persone a seconda delle regole. Si tratta di un gioco non molto facile da fare e molti si scoraggiano già all’inizio. Si richiede capacità di osservazione, il pensiero logico, e un po’ di fortuna. Il gioco è stato erroneamente reintrodotto nel mondo occidentale nel 1981, quando Brodie Lockard inventò la versione computerizzata che noi oggi conosciamo come Shanghai Solitaire.

httpv://www.youtube.com/watch?v=dgBb7_JD8kQ

In questo articolo ci accingiamo a concentrarsi sulla versione solitario, perché è più facile da giocare, ed è anche disponibile online per chiunque, ovunque, e indipendentemente dall’età.

Dopo che Lockard sviluppò il suo Shanghai Solitaire, altri sviluppatori si sono sbizzarriti nel creare variazioni della versione classica con l’aggiunta di regole riguardanti la corrispondenza delle mattonelle. Diamo uno sguardo a tutte le variazioni.

Nella versione classica Shanghai le piastrelle sono ammucchiate in più di un livello. L’obiettivo è quello di rimuovere tutte le tessere dal tavolo abbinandone due identiche o, in alcuni casi, tessere dello stesso seme. Ciò che rende questo gioco più interessante di altri giochi di corrispondenza è la presenza di alcune regole sulla corrispondenza delle mattonelle. In questa versione è possibile abbinare solo due tessere che non sono coperte da alcuna altra tessera e hanno la loro parte di sinistra o di destra libera. Alcuni giochi sono a tempo e richiedono maggiore attenzione, mentre altri sono sviluppati in modo rilassato.

httpv://www.youtube.com/watch?v=CT8EAe8CBrY

Dopo il successo della versione classica gli sviluppatori sono andati avanti ed hanno ideato varie versioni con ulteriori regole di corrispondenza. Una delle versioni più giocate al giorno d’oggi è Mahjong Connect. Le tessere sono disposte sul tabellone (schermo) in uno strato e l’obiettivo è di creare un collegamento tra due tessere uguali ed eliminarle dallo schermo fino a quando non ci saranno più tessere sul tavolo. È possibile collegare solo tessere identiche che non devono essere più di tre, essere ininterrotte da altre tessere e poste su linee rette distanti.

La cosidetta Mahjong Variation è strettamente correlata alla versione classica. In questi giochi le regole di corrispondenza delle mattonelle sono un po’ diverse. È possibile abbinare due tessere identiche che non sono coperte e hanno un lato verticale ed uno orizzontale libero. Pertanto, è necessario che sia il lato orizzontale che quello verticale non siano bloccati da un’altra tessera al posto di quella di sinistra o di destra libere.

httpv://www.youtube.com/watch?v=xJddPCpPmoo

Queste sono le tre categorie di Mahjong Solitaire di base, naturalmente ne esistono molte altre, ma possono essere facilmente confuse con altri giochi di abbinamento. Altri giochi che utilizzano le piastrelle, e hanno un unico insieme di norme rientrano nella categoria Unique Mahjong perché ogni gioco ha regole diverse.

Tutte le versioni del gioco in tutte e tre queste categorie Mahjong di base sono un modo semplice che permette alle persone di rilassarsi, passando il tempo intrattenendosi piacevolmente mantenendo tuttavia la loro mente attiva.