Metal Gear Solid V: The Phantom Pain, l’open world di Hideo Kojima

Videogioco Metal Gear Solid V: The Phantom PainPresentato ad un appuntamento videoludico di importanza, come il Tokyo Game Show, il nuovo parto creativo di Kojima Production e dunque Metal Gear Solid V: The Phantom Pain si comporta sempre da assoluto protagonista delle presentazioni a cui prende parte, come sempre condotte da Hideo Kojima, di certo l’uomo migliore per fornire informazioni su tale titolo, essendone il creatore.

La demo recentemente presentata mostra come antefatto del gioco una base militare di Cuba, permettendo al nuovo Fox Engine di mostrare il suo splendore, non semplicemente stazionario sugli ambienti, offrendo invece ai personaggi un taglio di mobilità e look sorprendenti.

L’interfaccia non è presente, a quanto pare vedere, durante le fasi dedicate al movimento; restando comunque assodato che il protagonista Snake potrà correre, saltare, sparare e nascondersi dietro i ripari come sempre ha fatto nei capitoli precedenti. Interessante la modalità tattica zoom sui nemici: li si può marcare digitalmente al fine di ascoltare i loro dialoghi, o renderli sempre visibili in modo da poterli poi assaltare ed uccidere con maggior perizia.

La modalità stealth sarà ancora tra le fondamenta del gioco, e dovrà essere applicata con cura al fine di perseguire informazioni utili alla missione, quali le possibilità di svolta all’interno dei livelli e l’ubicazione di oggetti importanti.
Con un particolare drone di supporto, saremo in grado di utilizzare una mappa in grado di mostrare i dislivelli e le diversità del terreno, al fine di segnare la propria posizione e rendere il gioco simile all’architettura “open world” di altri titoli.

Il titolo della saga di Solid Snake Ground Zeroes fungerà inoltre quale prologo per questo Phantom Pain, incarnante la storia principale. Le possibilità di personalizzazione dei titoli cresceranno nel tempo grazie al completamento delle missioni secondarie, mostrando un’avventura a ritmo incalzante e rigiocabile, estremamente longeva.

Nel gioco è implementata inoltre una severa dose di realismo, ci saranno infatti diversi momenti della giornata in grado di mutare dinamicamente. Per quanto concerne il comparto grafico, il Fox Engine ancora oggi restituisce un’esperienza visiva eccelsa, in grado di fornire dettaglio grafico adeguato anche a svariate versioni del titolo.

A quanto pare, smartphone e tablet avranno versioni dedicate del titolo, per consentire a chiunque di poter godere di questo nuovo capolavoro firmato Ubisoft.