Pilotwings Resort: uno dei titoli più riusciti di Nintendo 3DS

videogioco Pilotwings ResortA pochi giorni dall’uscita della console portatile Nintendo 3DS, alcuni giochi della line up di lancio si sono distinti per immediatezza e giocabilità, mantenendo la tradizione della software house giapponese di portare sugli schermi di gioco titoli appetibili sin dal primo tentativo e tra questi abbiamo scelto di parlarvi di Pilotwings Resort.

Questo è un titolo che pare costruito su misura per sfruttare la stereoscopia della console, dopo più di un decennio trascorso su console che tra 2D e simulazioni non sempre riuscite di tridimensionalità non ha saputo fare giustizia al titolo.
Dal famigerato Mode 7 di Super Nintendo, necessario per riprodurre le movenze dell’aviatore protagonista, di strada ne è stata fatta molta per animare al meglio questo titolo, che purtroppo ha un unico tallone d’Achille: la giocabilità ridotta.

Direttamente dall’isola di gioco creata per Wii Sports Resort, WuHu, un luogo colorato e interessante dal punto di vista di raccolta di power up, Nintendo ripropone ambientazioni completamente identiche alle versioni per console maggiori, tralasciando purtroppo l’effetto sorpresa necessario a quanti avevano già giocato a Sports Resort.

Pilotwings Resort si rivela così il classico gioco concentrato sulle fasi di volo, in cui sceglieremo uno dei tre alianti a disposizione per lanciarci a caccia di svariati segreti nei cieli dell’isola di WuHu. Il 3D farà il proprio lavoro egregiamente, mantenendo una sensazione di profondità in ogni angolo dei cieli esplorati, affrontando le missioni proposte in modo da meglio comprendere la distanza tra noi e gli ostacoli, aiutandoci ad impostare una traiettoria di volo che ci consenta di ottenere stelle con maggiore semplicità.

I ritmi del gioco sono mantenuti su una discreta lentezza, essendo privi della classica frenesia che contraddistingue i giochi racing classici, permettendoci di effettuare un tour dell’isola con il dovuto rilassamento.
Le prime missioni affrontabili saranno sicuramente improntate sulla semplicità, rendendo possibile anche ai giocatori novizi ottenere più di due stelle su tre, non presentando particolari problemi in termini di evoluzioni. Terminate le missioni potremo affrontare la parte dedicata al volo libero, che ci permette di trovare i cosiddetti hotspot per conoscere alla perfezione la collocazione di ogni segreto.

Malgrado alcuni difetti inerenti la ripetitività delle ambientazioni e l’assenza del fattore sorpresa, Pilotwings Resort si mostra come uno dei migliori titoli di lancio per la console, in cui l’assenza di una modalità multiplayer fa avvertire decisamente la presenza di un buon gioco, ma effettivamente limitato per alcuni aspetti.