Speciale Halloween 2013: Onimusha: Warlords

Videogioco Onimusha WarlordsIl periodo storico dedicato alla rappresentazione dell’antico Giappone feudale, e dell’epopea dei samurai, presuppone una grande attenzione per trama e dettaglio nei giochi che vi si ispirano, al fine di confezionare un prodotto che sappia unire all’avventura anche la giusta atmosfera di terrore e panico. Gli scontri che coinvolgono i cosiddetti Signori della Guerra e condottieri alla ricerca di riscatto, nel tentativo di ottenere il predominio nei feudi orientali, vengono rappresentati con la perfezione degna di un’opera filmica in Onimusha: Warlords.

Non appena inizieremo il gioco, verremo infatti colti da una potente sequenza iniziale in CGI, in cui i soldati si affrontano in una valle immensa sovrastata da una pioggia costante, unendo a questa magia visiva la perfezione delle colonne sonore.
Vedremo inoltre l’immagine poderosa di Nobunaga Oda, vincitore della battaglia Okehazama, durante la quale ha sconfitto il rivale storico Yoshimoto Imagawa, cadendo però poco tempo dopo a terra, ucciso da una freccia mirata alla gola.

Chi assisterà alla cruenta scena è Samanosuke Akechi, guerriero famoso per la sua abilità nel maneggiare la spada, e sarà il protagonista principale della storia, che si accollerà la missione di assicurare la libertà alla principessa Yuki, la quale è stata rapita da uno spirito malevolo emanato da Nobunaga, dotato di un’invincibile potenza.

La rapidità dei comandi di Onimusha: Warlords è impressionante: Akechi sarà in grado di interagire, attaccare, assorbire anime e attaccare magicamente con semplici tasti e non combo poco agibili da portare in vita sul pad. L’azione è prerogativa fondamentale del titolo, e affronteremo una grande varietà di nemici nel tentativo di mantenerci sempre impegnati contro il male emanato da Nobunaga.

Samanosuke sarà poi in grado di ottenere nuove abilità speciali, particolarmente indirizzate ad aiutarlo ad ottenere pozioni e power up migliori, una forza insuperabile per un sistema di upgrade che ricorda molto i sistemi adottati dai principali giochi di ruolo.
Sarà piacevole per il giocatore inoltrarsi in un mondo tanto oscuro e terrificante quanto stimolante l’avventura, affrontando anche minigiochi che lo porteranno direttamente agli inferi, combattendo con zombie e demoni dall’intelligenza artificiale sempre più poderosa.

Non un semplice diversivo o un “filler” in grado di fare da passatempo, ma un’impegnativa avventura di terrore e coraggio, per sfruttare al massimo le capacità di reazione e la prontezza dei giocatori più esigenti.