WWE 2K14: finalmente il Wrestling a portata di Xbox 360

A causa del fallimento di THQ, i fan del wrestling sia praticato a livello di sport indoor che su gamepad se la sono vista brutta al pensiero di non poter tornare sul ring impersonando i migliori lottatori delle ultime decadi. Qui è però recentemente intervenuta, 2K, la quale ha compiuto una manovra rilevante per la nota serie WWE, preparandosi a dare i tocchi finali al prossimo WWE 2K14, pronto ad uscire il prossimo ottobre.

Recentemente, presso la grande fiera di Colonia inerente anticipazioni nel panorama videoludico, la Gamescom 2013, il publisher ha mostrato le peculiarità principali di quella che è chiamata Wrestlemania Mode, che ci riporterà indietro di circa 30 anni nella storia dello sport più folle ed acrobatico esistente, permettendoci di assistere alle prodezze di leggende quali Hulk Hogan e numerosi altri, che gli aficionados sicuramente ricorderanno.

Il Wrestlemania Mode sarà dunque un invito esplicito a rispolverare le migliori gesta di questo sport, con una impostazione certamente coreografica e televisiva, storicamente impeccabile, emulando addirittura alcuni tratti distintivi delle tv d’epoca, includendo anche disturbi di sintonizzazione e chicche volte a far scendere la classica lacrima al fan nostalgico.

L’offerta di gioco generale, per tornare sul versante della competizione principale, è decisamente enorme: quarantacinque incontri peculiari, tutti divisi in capitoli tematici, che mostreranno pre-match alcune sessioni informative di tipo storico volte a rivelare le potenzialità ed il background del lottatore.

Completando dapprima alcuni piccoli obiettivi per poi passare agli achievement e agli unlockin più importanti, il ritmo del titolo si lascia abbondantemente seguire, con estrema facilità ed immediatezza fondata su colpi, prese, fatality finali e tempismo, per il giusto mix di tattica e reazione ottimamente realizzato grazie al sistema di animazioni rivisitato, in grado di fornire una panoramica ed un feeling di gioco a pelle, emulando con rigore anche le mosse tipiche degli avversari che tutti noi almeno una volta abbiamo visto in tv.

Transitare da THQ a 2K, in conclusione, non ha lasciato a bocca amara fan e sviluppatori, offrendo un titolo in grado di cambiare, con la semplice mole, senza contare la variabilità di gioco, la storia delle simulazioni di wrestling moderno.